La flessibilità richiesta dal mercato odierno determina tempi non facilmente stimabili di immagazzinamento dei circuiti stampati, con conseguenze di decadimento qualitativo in relazione alla finitura utilizzata; nel 2010 la IPC ha emesso a riguardo la norma standard